venerdì 19 settembre 2014

Mabon

"For man, autumn is a time of harvest, of gathering together. 
 For nature, it is a time of sowing, of scattering abroad."
Edwin Way Teale 
(American Naturalist, !899-1980)


Autumn Equinox: Sep 21 - 23
Mabon is the second festival of the great harvest festivals. Once agani the hour of the day and night are in balance. The Druids call this celebration, Mea'n Fo'mhair, and honour The Green Man, the God of the Forest (typically portrayed as a human face surrounded by dense foliage), by offering libations to the trees. The Welsh know this time as 'Alban Elved', meaning 'Light of Water'. References to the Welsh god Mabon ap Mydron (Mabon, Son of Modron, or ‘Great Son of the Great Mother’) date back well over a thousand years.


Equinozio d'autunno: 21 - 23 Settembre
Seconda festa della stagione del raccolto è il punto dell'anno in cui ancora una volta il giorno e la notte sono uguali. I Druidi chiamavano questa celebrazione Mea'n Fo'mhair, e onoravano il Dio della Foresta, offrendo libagioni agli alberi. Il gallesi chiamano questo periodo 'Alban Elued', che significa 'luce dell'autunno'. I riferimenti al dio gallese Mabon ap Mydron (Mabon, figlio di Modron, o 'Grande Figlio della Grande Madre') risalgono anche a più di mille anni fa.


Persefone
Dante Gabriele Rossetti (1874)

The month of September was the period in which it held the Great Mysteries of Eleusis, the ancient cult dating back to the Mycenaean period but which were widely spread in the Roman period. These rites celebrated the myth of Demeter, goddess of grain and harvest, and her daughter Persephone. When Persephone was captured and abducted by Hades, god of the underworld, Demeter searched for her everywhere desperate making the land barren and desolate. Then tired she fell asleep for nine days and nights, while in the meantime the gods obtained the return of Persephone. But the young woman had ate three pomegranate seeds, the food of the Other world offorded by Hades and so she was ordered to spend three months of the year in the underworld, during which the winter fell upon the earth. 
The changing of the seasons, therefore, reminded the alternation of periods that Persephone would spend on earth and Hades.

Il mese di Settembre era il periodo in cui si svolgevano i Grandi Misteri di Eleusi, riti antichissimi risalenti al periodo miceneo ma che nel periodo romano ebbero larga diffusione. Questi riti celebravano il mito  di Demetradea del grano e del raccolto e sua figlia Persefone. Quando quest'ultima venne catturata e rapita da Ade, dio degli inferi, Demetra la cercò ovunque disperata rifiutando di far fiorire e fruttificare la terra rendendola spoglia e desolata. Poi stanca si addormentò per nove giorni e notti e nel frattempo gli dei ottennero il ritorno di Persefone. Ma la giovane  aveva mangiato tre semi di melograno, cibo dell'Altro mondo offertole da Ade e fu così condannata a trascorrere tre mesi dell'anno nel mondo degli Inferi, durante i quali l'inverno cadeva sulla terra.
L’alternarsi delle stagioni, dunque, ricordava l’alternarsi dei periodi che Persefone trascorreva sulla terra e nell’Ade.

Wheel of the year 
The Celts called the Autumnal Equinox with the name of Mabon, god of vegetation and harvest. As Persephone was kidnapped and held prisoner until the day in which King Arthur released him. 
Everywhere were held harvest festivals to thank the gods for their gifts because the crops were the source of survival in the long winter.


Celti chiamavano l'Equinozio autunnale con il nome di Mabon, dio della vegetazione e del raccolto. Come Persefone fu rapito e tenuto prigioniero fino al giorno in cui re Artù lo liberò.
Ovunque si tenevano le feste del raccolto per ringraziare le divinità dei loro doni perchè i raccolti erano la fonte di sopravvivenza al lungo inverno.


Image from web
Mabon is a time of meditation. We must prepare ourself for the dark of the year and the year's ending. To celebrate this festival we could have few moments to honor the changing seasons, and celebrate the second harvest. It is a time of giving thanks for the things we have, whether it is abundant crops or other blessings. It is also a time of balance and reflection, following the theme of equal hours light and dark.

Mabon è tempo di meditazione. Dobbiamo prepararci all'inverno riflettendo su quello che l'anno che volge al termine ci ha portato e le nostre speranze future. Per celebrare questa festa onoriamo le stagioni, e celebriamo il raccolto. Rendiamo grazie per le cose che abbiamo e riflettiamo su noi stessi. Mabon è un momento di equilibrio come la parità di ore di luce e buio dell'Equinozio.





Image from web


"Leaves fall,
the days grow cold.
The Goddess pulls her mantle of Earth around Her
as You, O Great Sun God, sail toward the West
to the land of eternal enchantment,
wrapped in the coolness of night.
Fruits ripen,
seeds drip,
the hours of day and night are balanced."







lunedì 1 settembre 2014

In the footsteps of monks and ancient abbeys...

There was once a castle on a rocky cliff with a wonderful view of the river and surrounding valley ... Nearby, a thick forest leading to an upper slopes solitary and wild, on the other side towards the wide white sandy beaches ... 



C'era una volta, tanto tempo fa un castello su un dirupo roccioso con una meravigliosa vista sul fiume e sulla valle circostante…Nei pressi, un fitto bosco conduceva a monte verso pendii solitari e selvatici, a valle verso ampie spiagge bianche e sabbiose…

The castle of Abatemarco

When I saw these ruins I was enchanted. It was a night and in the darkness of the place there  was a full moon very suggestive. I could not take pictures ... so the next morning I went back on the trail of monks and ancient stories ...

Quando ho visto questi ruderi sono rimasta incantata. Era di notte e nel buio del luogo risplendeva una luna piena molto suggestiva. Peccato che non potevo fare foto…così la mattina dopo sono ritornata sulle tracce di monaci e antiche storie… 

The ruins

The castle of Abatemarco is overlooking the river in the territory of Santa Maria del Cedro and takes its name from the abbey built in earlier times and known as Abatemarco, from the name of an abbot who probably lived there (ABA- Marcus). The castle is known as the Castle of San Michele for an olive wood statue of San Michele found in the church adjoining the Castle. 
The settlement was almost certainly a Norman conquest at the beginning of the year one thousand as evidenced by the type of building and the nearby aqueduct. The abbey was probably built by the Basilian monks inspired by the rules of St. Basil the Great during the Byzantine era. 


Il castello dell’Abatemarco si trova a picco sul fiume nel territorio di Santa Maria del Cedro e trae il suo nome dall’abbazia annessa costruita in epoca più remota e conosciuta come Abatemarco, dal nome di un abate che probabilmente vi risiedeva(Aba-Marcus). Il castello è noto come il Castello di San Michele  per una statua in legno d'ulivo di San Michele ritrovata nella chiesetta annessa al Castello.
L’insediamento fu quasi certamente una conquista normanna agli inizi dell’anno mille come testimoniano il tipo di costruzione e il vicino acquedotto. L’abbazia fu probabilmente edificata dai monaci basiliani ispirati alla regole di san Basilio Magno fondatore dell’ordine e giunti durante la dominazione bizantina.  


Subsequently, the abbey became a place of worship of Benedictine Monasticism and important point of contact with other abbeys. 
The ruins show that the structure of the castle consisted of a rectangular building with a cylindrical tower and a square tower. In the castle were unearthed perhaps the frescoes executed by monks who came from other monasteries; two of those paintings are now located in the town hall and one depicting Saint Sebastian the Martyr and the other a triptych of the Madonna and Child with a Bishop Saint and San Leonardo. 
In subsequent years, the feud dell'Abatemarco built around the castle came to include other buildings, including two towers and a prison, and was owned by great family of that times.


The church

Successivamente l’abbazia diventò luogo di culto del Monachesimo benedettino ed importante punto di contatto con altre abbazie.
Dalle rovine rimaste si desume che la struttura del castello si componeva di un edificio rettangolare con una torre cilindrica e un torrione quadrangolare. Nel castello sono stati rinvenuti degli affreschi forse eseguiti da monaci che giungevano da altri monasteri; due di tali affreschi sono oggi situati nella casa comunale e raffigurano uno San Sebastiano Martire e l'altro un trittico, la Madonna col Bambino tra un Santo Vescovo e San Leonardo. 
Negli anni successivi il feudo dell’Abatemarco costruito attorno al castello arrivò a comprendere anche altre costruzioni tra cui due torri e un carcere e fu proprietà delle famiglie grandi del tempo.


"Her passion for ancient edifices was next in degree to her passion for Henry Tilney - and castles and abbies made usually the charm of those reveries which his image did not fill. To see and explore either the ramparts and keep of the one, or the cloisters of the other, had been for many weeks a darling wish, though to be more than the visitor of an hour, had seemed too nearly impossible for desire. And yet, this was to happen. With all the chances against her of house, hall, place, park, court, and cottage, Northanger turned up an abbey, and she was to be its inhabitant. Its long, damp passages, its narrow cells and ruined chapel, were to be within her daily reach, and she could not entirely subdue the hope of some traditional legends, some awful memorials of an injured and ill-fated nun".
Jane Austen, Northanger Abbey - Volume II - Chapter 2 (17)


Northanger Abbey illustration by C.E. Brock
"La sua passione per gli edifici antichi era quella che veniva subito dopo la passione per Henry Tilney, e castelli e abbazie erano di solito l'incanto di quei sogni a occhi aperti non esauriti dall'immagine di lui. Vedere ed esplorare i bastioni e i torrioni degli uni, o i chiostri delle altre, era stato per molte settimane il suo desiderio prediletto, anche se esserne più della visitatrice di un'ora era sembrato quasi impossibile da sperare. E invece, stava per accadere. Con tutte le possibilità contrarie che aveva avuto, che fosse una casa, un palazzo, una residenza, una villa di campagna, un maniero o un cottage, Northanger si era rivelata un'abbazia, e lei l'avrebbe abitata. I suoi lunghi e umidi corridoi, le celle strette e la cappella in rovina, sarebbero state quotidianamente a portata di mano, e lei non riusciva a frenare la speranza di una qualche antica leggenda, di orribili cronache di una suora offesa e sventurata".
Jane Austen, L'abbazia di Northanger - Volume II - capitolo 2 – Traduzione tratta dal sito www.janeausten.it di G.Ierolli